Novation – Dicer

La Novation, azienda di nazionalità britannica, è nata nel lontano 1992 come divisione della già conosciuta Focusrite Audio Engineering, già leader nel settore dei controller midi, tra cui le famigerate tastiere Remote SL e i controller Nocturn e Launchpad. Dopo dieci anni, una sorpresa: un prodotto molto semplice, funzionale, un launch pad rivoluzionario dedicato esclusivamente ai digital DJ.  In una parola, il Dicer.

Prima impressione

Inizio a scrivere questa recensione sorridendo: non perché questo controller faccia ridere, ma perché il design e l’aspetto sono davvero simpatici! Iniziamo col dire che il nome inglese “dicer”, evocando una improbabile partita a dadi, è invece un’idea quanto mai azzeccata. Ad una prima occhiata, infatti, la periferica si presenta con 5 tasti numerati e 3 tasti per il cambio di modalità, proprio come le facce dei dadi da gioco.

Speravo in una confezione più grande, magari dei controller piccoli e poco ingombranti accompagnati da una pseudo-scatola da nascondere tra i meandri della consolle: niente di più sbagliato. Il Dicer è tutto lì, in una confezione grande come quella di un software, elegante e ben costruita, che racchiude l’essenziale: la coppia di controller, un cavo micro USB per il collegamento al laptop, un mini jack 1/8” TRS per collegare tra loro i due controller, nastro biadesivo resistente e riutilizzabile per fissarli alle superfici e adattarli a qualsiasi evenienza. E’ inclusa, infine, una guida veloce sul setup in lingua inglese e francese. Il bello, tuttavia, deve ancora venire…

Installazione

Come avrete notato, nel descrivere la dotazione della scatola non ho fatto cenno a nessun cd-rom o dvd contenente software o driver. Non si tratta di una distrazione: i Dicer sono controller MIDI class-compliant, cioè possono essere collegati a qualsiasi Pc o Mac senza bisogno di installare alcun driver o software. Montare la coppia di Dicer nel proprio setup è veramente semplice. In pratica, uno solo dei controller (Master) va collegato tramite mini USB al computer e da quest’ultimo parte un cavo mini jack TRS (Tip Ring Sleeve) che collega l’altro controller (Slave). Le ridotte dimensioni sono state studiate per permettere al controller di adattarsi perfettamente ai piatti Technics serie 1200/1210. In pratica i Dicer vanno collocati negli angoli dei giradischi Technics utilizzando lo spazio dove di solito viene conservato l’adattatore per i dischi da 7” (i vecchi 45 giri, per intenderci). Il controller, con il suo design curvato, combacia perfettamente con lo spazio disponibile ed una volta incastrato è molto stabile e resistente alle sollecitazioni.

Ovviamente è possibile montare i Dicer anche sui Pioneer CDJ, per esempio, o direttamente sul laptop, smontando l’adattatore per i Technics ed utilizzando il biadesivo per le superfici piatte in dotazione. Dando tuttavia un’occhiata a giradischi di altri produttori (Vestax, Numark, Stanton e Gemini), almeno sugli ultimi modelli, ho notato pochissimo spazio: quindi sarà molto difficile trovare un posto comodo per posizionare i Dicer.

Il Controller

Il controller è di semplice utilizzo. Come già accennato, non ci troviamo davanti a numerosi tasti da dover settare, ma ad una periferica compatta composta da 8 tasti soft-touch retro illuminati e multicolor (rosso, verde ed arancione), che ci aiutano a comprendere in quel momento con quale tipo di modalità o funzione stiamo lavorando. Essendo il Dicer un accessorio ufficiale del software Serato scratch live, troveremo come funzioni preimpostate:

  • per il rosso, Cue-Point;
  • per il verde, Loop Roll;
  • per l’arancione, Auto-Loop,

ma ovviamente possono essere cambiate a proprio piacimento, rimappando il settaggio midi. Degli otto tasti, cinque sono di grandi dimensioni e servono per interagire con il software, mentre tre sono di diametro inferiore e servono a spostarsi da una funzione all’altra (tenedoli premuti singolarmente svolgono la funzione di Shift per comandi secondari).

La Prova

Provare i Dicer sul software Serato Scratch live sarebbe stato troppo semplice e visto che la Novation ha dichiarato che il suo controller è compatibile con i principali software, tra cui Traktor Scratch Pro della Native Instruments, ho voluto testarlo proprio con quest’ultimo. Quindi, divertiamoci.

Mentre mi apprestavo a personalizzare, dal “Controller Manager”, la mappatura midi, ho pensato di visitare il sito del produttore per carpire maggiori informazioni e configurare il Dicer in maniera simile al Serato. Sorpresa delle sorprese, cosa trovo? La Novation, per i possessori di Traktor, ha ben pensato di aggiungere, nell’area di supporto, il download dei file .tsi (estensione proprietaria del Traktor Scratch) sia in versione Traktor che in versione Traktor Scratch, con tanto di file completi di istruzioni per l’importazione e indice di mappatura (qui il link di collegamento). Dal pannello di controllo ho importato il file traktorscratch.tsi (attenzione! create prima un backup dei vostri settaggi precendenti), poi dal controller manager ho impostato come device “Novation Dicer”, settando per In-port e Out-port lo stesso valore: siamo pronti!

Mode 1 – Hot Cues Mode. Con i leds di colore rosso il settaggio corrisponde ad un “Hot Cues”. I relativi parametri possono essere associati ai 5 tasti: tenedo premuto il tasto che corrisponde al mode 1 si entra in modalità shift e quindi, pigiando i tasti già illuminati, si cancellano i rispettivi “Hot Cues” memorizzati in precedenza.

Mode 2 – Looping mode. Quando i leds sono di colore verde, i primi due tasti sono destinati a spostare porzioni di loop avanti ed indietro nel brano, mentre con il terzo tasto si attiva/disattiva il loop. Gli ultimi due tasti, infine, aumenteranno o diminuiranno (di mezza lunghezza o doppia lunghezza) la velocità del loop. Qui la modalità shift è libera e completamente mappabile dall’utente.

Mode 3 FX mode. I leds di colore arancio contraddistinguono la funzione di aumento o diminuzione (DRY/WET) della percentuale di effetto da usare (primi due tasti), con la possibilità di attivare o disattivare (ultimi tre tasti) tre effetti a scelta, ad es. delay, riverbero o filtri. Anche qui la modalità shift è completamente libera e mappabile dall’utente.

Considerazioni

Cosa dire? Dicer è un controller ben fatto, resistente e compatto, ma soprattutto economico. Ho provato un po’ a “strapazzarlo”, ma tutto sommato si è comportato bene. Di nuovo, rispetto ad altri controller midi che le varie case produttrici stanno sfornando (ad es. Traktor Control x1) ha solo la compattezza, mentre le funzioni sono simili – se non anche se inferiori . Per i dj che vogliono migliorare le proprie prestazioni live e cimentarsi in qualcosa di nuovo, oppure che vogliono improvvisare e creare più di un semplice live statico inventandosi tagli, passaggi e scratches innovativi, posso solo consigliare di tenere in borsa, sempre con sé, una coppia di Dicer: le serate saranno colorate non solo di rosso verde e arancione… Sicuramente un buon inizio per avvicinarsi a questo tipo di controller.

…. Alla prossima Dj Fresella

INFORMAZIONI UTILI:

Produttore: Novation

Modello: Dicer

Website: www.novationmusic.com

Distributore: www.midiware.com

Prezzo: 100,00 Euro+IVA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *